Amar, ch’a nullo amato, Amar perdona

Foto di Gennaro Masi

 

«Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende,

 

prese costui de la bella persona

 

che mi fu tolta; e ‘l modo ancor m’offende.

 

Amor, ch’a nullo amato amar perdona,

 

mi prese del costui piacer sì forte,

 

che, come vedi, ancor non m’abbandona.

 

Amor condusse noi ad una morte.

 

Caina attende chi a vita ci spense».

 

Vorrei essere bravo come Carl Brave (che poi a basket ci ha giocato ed era anche forte) nel saper raccontare le abitudini, gli usi e le immagini quotidiane dei giorni nostri ma di Carl Brave non ho l’altezza, la poetica e nemmeno quell’ “E e e e e e e eeeee” pazzesco con cui inizia ogni singola canzone. Ma come Carl ho Instagram e come Carl ieri, scorrendo le foto degli amici, erano infinite le foto di pranzetti al mare e di tramonti.

Bella la montagna, belli pure i borghi di questo nostro incredibile paese, bello pure il concerto di Carl Brave all’auditorium ma più bello il mare e più bella ancora è andare a vedere la Virtus.

E quante volte ce lo siamo detti? A vedere il mare, vengono i pensieri. Che poi capita che o ce li lasciamo o li laviamo semplicemente, poi alcuni sono talmente pesanti che ci li riportiamo indietro ma forse un po’ più leggeri.

C’è chi guardava il mare e poi è venuto al Palazzo dello Sport, c’è chi al mare ci è rimasto, c’è chi non c’è mai andato.

“ A Ce’, non lo guarda’ er mare…

Che te vengono i pensieri”

(Non essere Cattivo, Claudio Caligari)

 

Nessun pesce d’Aprile ma solo una bella Virtus di primavera.

Di certo è che se a guardare il mare, vengono i pensieri, a guardare Amar i pensieri, ieri, non sono venuti per niente. Che poi era anche il suo compleanno, quindi auguri Amar, figlio di Teo, fratello di Mirza, fratello di Denis: e ieri Amar ci ha messo molto meno di Frodo a dominare e frantumare l’anello. E nel giorno del suo compleanno, si fa e ci fa un bel regalo.

Alla fine della partita, il tabellino del ragazzo diceva: 19 punti. Tiro da tre, movimenti sotto canestro e come con Rieti, un rebus difficile da risolvere per la difesa avversaria. Per Bucchi un bel lusso ed allo stesso tempo, un bel problema.

Sims è Sims, su questo non ci stanno dubbi. Ma rispetto al suo giovane amico Amar, paga sicuramente una mobilità meno accentuata ed una facilità di essere raddoppiato, triplicato (ecc. ecc.) maggiore rispetto al “Birthday Boy” della giornata di ieri. Ma guai a pensare che questo possa essere un problema, l’esistenza della parola “alternativa” ci da una grossa mano: averli entrambi a disposizione è il lusso (di cui sopra) che ha a disposizione Bucchi e che in queste ultime partite il Coach “deve” avere il coraggio di esplorare anche nel finale.

Alibegovic quindi, Baldasso dunque: sono loro ieri ad aver vinto la partita.  Che piaccia oppure no,  sono stati l’imprevedibilità che ha steso Agrigento e parlando di Baldasso, la stagione di questo ragazzo è andata oltre le aspettative, e potrà sembrare forse una “provocazione”, ma in quest’annata è stato forse proprio Nic Moore ad aver avuto più bisogno di Baldasso che Baldasso di Moore. Ma si chiama sport di squadra, proprio per questo.

Dicevamo che il mare è bello, ma i pomeriggi in casa Virtus, sono ancora meglio. Il mare, quello vero, può ancora aspettare: la sera fa ancora un po’ freschino e quando il sole viene giù, bisogna tirare fuori la giacchetta pesante, bisogna coprirsi.

E si sa, tira più una sconfitta che una vittoria, fa parlare più una sconfitta che una vittoria, fa più opinione una sconfitta che una vittoria, fa più tifoso parlare dopo una sconfitta che una vittoria, ci si ricorda della Virtus dopo una sconfitta che dopo una vittoria.

Luci ed ombre, il caldo ed il freddo, gli stessi che potrete vivere dentro alla partita della Virtus Roma. La capacità di questa squadra di accendere il pubblico e di spegnersi da un momento all’altro è veramente folle: anche ieri, andare sopra di tredici punti e poi beccare un contro parziale, e ritrovarsi sotto di un punto. E ieri giù il cappello davanti al pubblico, che all’inizio sembrava non arrivare e poi invece ha riempito il primo anello, giù il cappello per aver iniziato a battere le mani quando le cose non stavano andando per il verso giusto.

Fiore dopo fiore sta arrivando la Primavera e di queste giornate quello che più colpisce è il caldo del giorno, non il freddo della sera, i locali che si riempiono, le giornate che si allungano, quello che fa bene è il sole.

Sbocciano i fiori, sboccia il talento dei giovani Amar e Tommaso, la Virtus e la sua gente sognano la definitiva fioritura.

Una di meno alla fine, che siano tre o che siano due. Vincere, sappiamo quando, non importa come. Urlando, dagli spalti  e da un microfono (da dove taluni maestri urbani vorrebbero che non si facesse e che si mantenessero i principi etici e professionali di cui loro sono pedissequi allievi e pastori).

E poi tutti a guardare il mare per confessargli i pensieri di una stagione, le speranze della prossima, in silenzio, senza parlare. C’è chi ci lascerà incazzature, chi lacrime, chi delusioni, chi paure, chi gioia, chi proverà a levigare un macigno di dolore troppo grande da poter lasciare andare, chi aggiungerà una pagina in più alla sua storia da tifoso e che a quelle due parole, Virtus e Roma, ha legato qualcosa di più che una semplice partita della domenica.

 

Amar, ch’a nullo amato Amar perdona.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *