Ho imparato a sognare

“Del resto, se non rischi…

Te non hai mai rischiato?”

“Si, una volta…Una volta ho messo 2 fisso su Inter – Cagliari”

 

Il giorno dopo, forse, è anche più bello. Ci pensi e ci ripensi ed è tutto vero.

Faccio mea culpa: ad un certo punto non ci credevo più, pensavo che sarebbe finita come è finita altre volte nella nostra storia. Insomma, il 2 fisso non lo avrei scommesso, né prima del match, né nel finale.

In fondo, il basket, tifare, è anche questo. Non crederci e poi esplodere, morire un po’ per poter vivere. Come Mandrake, che dentro ad un tribunale urla “Ho vinto!”, come noi, tifosi della Virtus Roma che a quel canestro abbiamo iniziato ad urlare il nome di Andrea Saccaggi, frasi confuse, versi alieni. Abbiamo vinto.

Una partita che vale e varrà due punti ma che almeno ancora oggi, fateci fare finta che vale qualcosa di più. E forse davvero la vale, perché contro un avversario di una pericolosità incredibile, perché sembrava persa, perché Moore è uscito per somma di falli nel terzo quarto, perché era dai tempi di Smith e di Stefansson che non vincevamo una partita all’ultimo secondo, con una tripla.

Con il basket è così, impari a sognare. Ti costruisci le ali anche quando non ce le hai e mimi schiacciate poderose sugli stipiti delle porte, vedi canestri sui lampadari e sui muri di casa, ti senti Jordan e sogni e fantastichi canestri impossibili, sogni di segnare i canestri della vittoria, come quello di Andrea Saccaggi. Il tuo mondo è ovunque, i tuoi canestri innumerevoli ed il tuo mondo, finiva là.

Lo fai da quando inizi, da quando sei bambino, da quando non sei neanche un’età, perché è vero, i giorni di scuola, quelli prima dell’allenamento, ti duravano una vita. Chissenefrega di quello che è successo, conta quello che c’è dentro: quando impari a sognare, non smetti mai. E chissenefrega del “prete palloso”, di chi “è incapace a sognare “ e non riesce a godersi il momento per pensare a deliri personalistici, egoismi e rigurgiti acidi, e nonostante tutto, chissenefrega anche dei cinque falli di Moore, è finita bene e questo basta. Passi, per questa volta.

Nessuno lo sa e nessuno può sapere se canestri del genere e finali del genere vogliano significare qualcosa di magico o siano segni del destino, e personalmente nemmeno lo voglio sapere, c’è che quest’anno si è tornati a sognare e non bisogna smettere.

Non bisogna smettere di sognare e di pensare che finali del genere possono succedere, quest’anno no, non bisogna rinunciare i sogni. Nemmeno io rinuncerò al sogno di svegliarmi domani mattina grande e grosso come Henry Sims, che poi è anche tanto forte. Una piccola parentesi è necessaria: la partita del “ragazzone” americano contro Casale Monferrato è ai limiti del sublime, non tanto per le cifre che ancora una volta sono da applausi, ma per il modo in cui si è preso la squadra sulle spalle e l’ha trascinata, per il modo in cui ha detto agli avversari che per vincere contro i suoi compagni avrebbero dovuto buttare giù lui. E non ce l’hanno fatta.

E allora si, è giunto il momento di andare oltre muri e confini, tecnici, tattici ma soprattutto mentali. E’ ora di abbandonare vecchie paure, vecchie parole, vecchie abitudini, ed almeno quest’anno decidere di cavalcare aquiloni e godersi il viaggio, e alla fine, vedere.

Si, andare oltre muri e confini e rischiare, come ha fatto Baldasso. Tutti si sono chiesti in quei secondi di straordinaria follia perché non stesse appoggiando i due punti facili per andare all’overtime. Tutti, proprio tutti, tranne lui, che in quel momento aveva deciso di rischiare. Ed ha avuto ragione.

Si è fidato del suo compagno, ha rinunciato a due punti che sarebbero valsi un tempo supplementare ed ha scelto di giocarsi il rischio e di far tirare Saccaggi. Tutti sappiamo come è finita, pensate se quel tiro non fosse entrato.

Le botte si prendono, le botte si danno. Le partite si vincono e le partite si perdono. Dopo le urla, dopo il canestro di Saccaggi, il silenzio e quella stanchezza addosso, la voglia di piangere, per la gioia.

Come Manuel quando rivede Nadia aprirgli la porta, come quando Aldo, Giovanni e Giacomo piantano la gamba davanti la casa del suocero, come quando Mike Foster (in arte Tony Brando) si prende la rivincita su Lepore e Santalamazza, come Mandrake, come Rocky Balboa contro Apollo o contro Clubber Lang, come quando Robert Hatch para il rigore ai tedeschi, come Bartali in fuga tra giornali che svolazzano e francesi che si incazzano.

Andrea Saccaggi, da tre, all’ultimo secondo. E la Virtus Roma ha vinto.

C’è che ormai che ho imparato a sognare, non smetterò.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *