Riproduzione Casuale

I giorni indimenticabili della vita di un uomo

sono cinque o sei, in tutto.

Il resto fa volume.

 

 

Giustamente incazzati, scoraggiati…no!”

Le sconfitte sono sempre strane. Si, sono strane. Sono sempre sconfitte eh, ma sono comunque strane, soprattutto in anni così. Perché ancor prima che pensare a quello che si sarebbe potuto fare od a quello che non si sarebbe dovuto fare, si pensa a ciò che potrebbe essere.

Ma prima conviene liberarsi delle zavorre, così forse da più leggeri si può riprendere a camminare prima. E allora liberiamoci di quel 12/22 ai liberi, liberiamoci di quell’ultimo tiro di Moore non entrato, liberiamoci dei vantaggi sprecati a favore di una rimonta altrui, di quel fischio nel finale che tutto è sembrato fuorché giusto, liberiamoci dalla sconfitta.

La Virtus Roma è ancora prima, noi siamo ancora primi. Con tre partite di vantaggio (e scontro diretto) a favore con Capo D’Orlando, con una Rieti che là dietro non molla e che bisognerà affrontare in casa. E soprattutto, non manca una o due partite, ne mancano tante altre, così per la Virtus, tanto per le altre. E’ lunga, non così tanto, ma è lunga.

Ed è un momento in cui è possibile che la squadra sia stanca, ammesso e non concesso che si contano sulle dita di una mano le partite in cui Bucchi ha potuto contare su tutti gli effettivi a sua disposizione. Ma come dice un vecchio detto: “I cavalli si vedono all’arrivo”. E come detto, l’arrivo è vicino, importante ma allo stesso tempo ancora lontano.

L’unicità di vivere una passione è che ti rende folle. Ecco, per esempio stasera quello che mi viene in mente è la fine di questo viaggio e la mia fantasia malata e sicuramente sbagliata mi fa immaginare un giorno di festa, uno di quei cinque o sei che si ricordano nella vita di un uomo e non un altro di quelli che servono solo a fare volume. Quello che intimamente rende unica proprio quella passione è che la rende invincibile, a tutto.

Ai commenti dei tifosi avversari che gioiscono per la tua sconfitta (come giusto che sia), alle speranze degli avversari che si alimentano nel giorno di una caduta (come giusto che sia), alle ansie ed alle paure di una stagione che chissà, potrebbe essere speciale.

Speciale, che termine magnifico, significa che non è comune, che è fuori dall’ordinario. E sicuramente se il pensiero va prima al traguardo finale che a quello che è successo oggi, allora forse vuol dire che davvero non è come tutte le altre.

Non so, è una sensazione strana. Avete presente quelle serate memorabili in cui poi ad un certo punto arriva il conto e ti si fionda addosso una mazzata colossale? O quando la mattina dopo ti svegli e con un mal di testa trapanante ti ritrovi con il portafogli vuoto?

Ecco, cambiereste mai quelle serate per un conto più clemente o per un mal di testa meno perforante? Io no. E allora speriamo che questa giornata sia un mal di testa o un conto eccessivo di una serata che è solo a metà, che sia come successo ad esempio con Cassino, uno di quegli imbuti cosmici che tanto bene descrive il Pieraccioni de “I Laureati”.

Chiamasi Imbuto Cosmico quel silenzio che si crea quando oramai ansia e angoscia fanno abbassare il tiro della serata, unica soluzione è alzare subito il volume”. E allora ognuno scelga la canzone che più gli piace e per cancellare una partita sbagliata inizi ad alzare il volume e nel muoversi senza un senso e nel cantare senza un’intonazione degna di un talent show inizi a calpestare i brutti menti e le nubi di questa sconfitta, così come successo dopo Cassino.

Calpesti i disfattismi ed i disfattisti, calpesti le tristezze ed i tristi e giù a ballare e giù a cantare. Non le canzoni che piacciono a tutti ma quelle che piacciono solamente a noi, quelle brutte che nessuno ha mai capito e che tutti hanno sempre criticato, perché non c’è bisogno di spiegazioni. Ed il volume metterà a tacere l’entusiasmo degli avversari e le lezioni di chi non potendo più dare cattivo esempio pensa di dare buoni consigli. Essere tifosi di pallacanestro non è semplice, esserlo della squadra di Roma lo è ancora di più. E per questo, alzate il volume ancora di più, delle casse o delle cuffie o della radio della macchina. E per fortuna è già domani.

Ora sto per dire una cosa che non va assolutamente fatta ma se capita, insomma…capita. Sergio Castellitto in una commedia italiana dice che quando si fa pipì all’aperto, si pensa a qualcosa ed automaticamente si fa quella santa pipì proprio su quel pensiero. Ecco focalizzate il pensiero sbagliato di questa sera e regolatevi di conseguenza.

In questo momento, se fossi all’aperto (e non lo sono) penserei al ghigno di Triche, agli errori di questa sera, ai problemi di Sandri e Chessa, al peso di ogni partita ed all’importanza di quest’anno, all’unica brutta partita di quest’anno di Sims, a Moore, a tutto ciò che non va.

E allora facciamo una cosa, prendo il telefono, infilo le cuffiette, vado su musica, tutti i brani e premo la riproduzione casuale.

“…svegliati con un’idea che vuoi difendere con un ricordo da dividere insieme anche se ogni giorno è un’avventura

che a pensarci fa paura”.

Oggi giustamente incazzati, scoraggiati no.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *