Virtus Roma-Azimut Bergamo, le pagelle: Landi chirurgico, Sims governa. Finalmente Santiangeli

Alibegovic 6: 10 minuti non di grandissimi numeri, ma da comunque un apporto concreto nelle piccole cose che non vanno a referto. Momento della stagione nel quale trova meno spazio rispetto all’inizio, ma è stato buon protagonista fino ad ora.

Chessa 6: Tira male dal campo (1/5) ma riesce ad incidere in difesa, come oramai ha abituato a fare. Deve però ritrovare la via del canestro, perché sugli scarichi la sua precisone da dietro l’arco sarebbe la soluzione giusta per aprire la scatola difensiva degli avversari.

Moore 5.5: Condizionato dai problemi di falli, non riesce quasi mai a trovare continuità. Quando si accende il talento è tutto li da vedere, come in occasione del gioco da 4 punti che riporta la Virtus avanti. Ma durante il forcing finale esce per 5 falli, guardando tutto il supplementare da spettatore non pagante. E’ il momento di serrare i ranghi, deve tirarsi subito fuori dal periodo di nervosismo che lo affligge da tre partite.

Sandri 6.5: Non era la partita nella quale doveva far canestro, ma mettere pressione ad uno dei migliori giocatori del campionato. Missione compiuta: 4 dei 5 falli commessi da Roderick li ha subiti lui, impressionante manuale di difesa capace di non mollare mai la presa. Soffre da qualche tempo per un dolore al piede che ne limita anche il lavoro settimanale, riesce a non farsi condizionare dai guai fisici.

Baldasso 6.5: Come già accaduto in stagione, si trova il pallone in mano nei momenti caldi delle partite, con Moore fuori causa. Lucido nelle scelte, freddo quando necessario, col canestro a fil di sirena segnato durante il parziale decisivo negli istanti finali del supplementare. Continua il processo di maturazione di un ragazzo che sta trovando continuità di rendimento e mentale, con l’antisportivo finale che stavolta non crea danni irreparabili.

Saccaggi 6: In 8 minuti piazza una tripla dall’angolo. Non ha il tempo di farsi notare ma non fa nemmeno danni. Al momento è il nono in rotazione, arriveranno periodi migliori.

Landi 8: Mostruoso. Gioca una gara impressionante per intensità mentale, impreziosita da canestri di un peso specifico enorme. 21 punti (5/8 da tre), segnando quando la squadra era sotto nel supplementare, con 9 rimbalzi d’oro nella lotta sotto i tabelloni. Carica il pubblico e i suoi compagni, sente ormai sua la maglia della Virtus. Sta disputando una stagione matura, coraggiosa, che può essere quella della definitiva consacrazione.

Sims 7.5: Pian piano gli aggettivi si stanno esaurendo. Dodicesima doppia doppia su diciotto gare giocate, 19 punti e 15 rimbalzi, coi 7 falli subiti a testimoniare la paura che incute agli avversari. Segna, stavolta difende anche in maniera convincente, ha una condizione psico fisica sublime. Semplicemente, giocatore di un’altra categoria.

Santiangeli 7: Come il Marchese del Grillo “s’è svejato!”. Finalmente una gara solida, di sostanza, mostrando il potenziale sino a questo momento sopito. 13 punti e 4 rimbalzi, soprattutto gli 8 assist a certificare una visione di gioco importante per un giocatore con tanta esperienza. Ha pagato anche una condizione fisica precaria, ma adesso deve sfruttare l’exploit contro Bergamo come un punto di partenza per dare un nuovo slancio alla sua annata.

All. Bucchi 7.5: Combatte ancora con le condizioni fisiche di alcuni giocatori che non sono al top, ma riesce a presentare sul parquet del PalaEur una squadra combattiva, motivata e con maggiore lucidità rispetto ad altre uscite, anche recenti. Il gruppo segue le sue indicazioni, lo si vede da alcuni segnali soprattutto nei possessi difensivi. 21 assist e 96 di valutazione totale danno il segno di un roster ben amalgamato che viaggia tutto sulla stessa lunghezza d’onda. Sa bene che il potenziale a disposizione è alto, ragiona gara dopo gara e tiene tutti coi piedi ben saldi a terra.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *