Virtus Roma-Benacquista Assicurazioni Latina, le pagelle: dominio Sims, Landi si esalta. Chessa monumentale

Alibegovic 6: Impiegato solo 13 minuti, riesce comunque a farsi notare per l’intensità delle giocate. Sbaglia 2 triple ma cattura 5 rimbalzi, difendendo bene in un momento nel quale la squadra fatica in questo fondamentale.

Chessa 7.5: L’imprecisione dal campo (1/6 da tre) è l’unica pecca di una serata altrimenti perfetta per il capitano. Difende in maniera monumentale negli ultimi, decisivi minuti, prendendo uno sfondamento da Lawrence che è anche il quinto fallo del pontino. Cattura un rimbalzo in attacco di pura voglia (5 totali) e piazza le giocate d’intensità che caricano pubblico e compagni. Splendido.

Moore 5.5: Numeri tutto sommato buoni per lui (14 punti e 5 assist, 7 falli subiti) ma tira male dal campo (3/12). In più, ricade nelle ingenuità che lo accompagnano da inizio stagione, protestando sempre troppo, beccandosi anche un tecnico. Il quinto fallo è una sciocchezza non degna di un giocatore della sua esperienza, per fortuna della Virtus non pagata cara. Se trovasse continuità mentale sarebbe un fattore per Roma, al momento viaggia troppo a corrente alternata.

Sandri 5: Certamente non la miglior partita dell’anno. Continua ad essere limitato da acciacchi fisici, ma anche lui come altri compagni tira male (1/9). Ha la necessità di essere sempre al massimo per rendere al meglio, servirà prestissimo però il suo prezioso apporto.

Baldasso 7: Partita di grande maturità. Entra ed è subito pronto, segna nei diversi momenti della gara ed è uno dei più costanti. Lotta sotto canestro (5 rimbalzi) e mette al servizio dei compagni 3 assist. Come all’andata, nelle fasi caldissime del match la squadra è in mano a lui per l’assenza di Moore, che non fa rimpiangere affatto, anzi.

Saccaggi ng: Dopo esser stato utilizzato in quintetto per tre gare di fila, stavolta resta in campo solo per 2 minuti. Nulla più che un’apparizione.

Landi 7.5: Chirurgico. Segna canestri col pallone che pesa una tonnellata, come la tripla che spezza definitivamente l’equilibrio in favore della Virtus per il 79-76 ad 1 minuto dalla fine. Ha ancora problemi al naso fratturato ma ciò non gli impedisce di buttarsi nella mischia a prendere falli (6) e rimbalzi (7). Ci mette anche 2 assist ed il 25 di valutazione lo premia esattamente per i meriti che si è guadagnato sul parquet.

Sims 8: Padrone incontrastato dell’area. Governa a piacimento in attacco, paga un po’ di stanchezza in difesa, ma quando decide che è ora di vincere chiude il passaggio a livello. 26 punti e 15 rimbalzi, per l’undicesima doppia doppia in 17 gare giocate. Il pubblico lo ama, si prende l’ovazione della sua gente ogni volta che allaccia le scarpe.

Santiangeli 5.5: Impatta un po’ meglio di altre volte, partendo questa volta dalla panchina, ancora condizionato dalle noie muscolari. I numeri non sono neanche troppo male (4 punti, 3 rimbalzi, 1 recupero e 1 assist) proporzionati ai minuti giocati (18). Ma l’unica palla persa di serata ha rischiato seriamente di compromettere la vittoria di Roma, ingenuità di fretta e di chi sente tanta pressione addosso. Non segna da tre (0/3) e al momento non riesce a completare una gara sufficiente. Il tempo a disposizione resta poco.

All. Bucchi 7: Dopo l’inopinato stop contro Cassino, doveva risollevare i suoi e presentare una squadra diversa a solo 3 giorni di distanza. In difesa ancora si fatica, ma questo gruppo ha un cuore grande così ed il merito è anche suo, ad esempio con un tecnico preso per difendere Sims che gli da il cinque per certificare la bontà della scelta. Sa che la condizione fisica non è ottimale, ringraziando poi a fine gara tutto lo staff medico che lo sta aiutando non poco. Consapevole delle potenzialità dei suoi, piedi ben saldi a terra e tanta cultura del lavoro.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *